timbre

Un francobollo a moneta è un francobollo che una volta era usato come moneta. In altre parole, l’uso del francobollo a moneta andava ben oltre una semplice affrancatura postale su vecchie lettere come i classici francobolli. Era un mezzo di pagamento per beni e servizi quotidiani. Oggi, i francobolli a moneta sono particolarmente rari. Scopri di più sull’affascinante storia del francobollo a moneta in questo articolo. 

Le origini del timbro di conio

La storia del francobollo a moneta è strettamente legata alla guerra civile americana. In effetti, questi hanno dato luogo a varie carenze che hanno causato una penuria di vecchie valute di scambio. Di fronte a ciò, era necessario trovare una moneta sostitutiva, anche se temporanea, ma riconosciuta dalla legge. Questo è il cosiddetto “denaro di necessità”. 

L’urgenza della ricerca di una moneta di necessità coincise con la comparsa del francobollo. I francobolli erano tanto più diffusi a quei tempi. Così, venne l’idea di usare i francobolli come mezzo di pagamento alternativo. Inoltre, doveva essere legalmente riconosciuto dalle autorità. John Gault di New York ha presentato la domanda (numero 1627). Questo fu ufficialmente accettato il 12 agosto 1862. I francobolli furono usati fino al 1876. 

In passato, consistevano in una semplice capsula di metallo contenente un bel timbro. Il lato anteriore consiste in un foglio di Mica, mentre il lato posteriore mostra una pubblicità per la società emittente. I primi francobolli furono prodotti dalla Scovill Manufacturing Co. 

La diffusione dei francobolli in Europa

L’uso dei francobolli nel resto del mondo non è stato reso popolare fino all’inizio del XX secolo. Durante la guerra boera, a Bulawayo furono emesse scatole con un francobollo incollato su un lato. 

Il concetto di francobollo ha fatto il suo debutto in Francia e in Belgio negli anni 1920. Durante il periodo della prima guerra mondiale, l’Europa ha sperimentato una carenza di metalli preziosi, metalli strategici e monete. Questo ha incoraggiato l’adozione del francobollo a moneta come forma di moneta. I commercianti e i comuni fecero coniare monete di necessità. I francobolli erano anche usati come mezzo per promuovere un’impresa. 

La fabbricazione dei francobolli

Come detto sopra, i primi francobolli erano semplicemente racchiusi in buste traslucide e flessibili. Tuttavia, questi sono stati considerati troppo fragili. 

Con il tempo, la produzione di francobolli si è evoluta. Intorno al 1920 cominciarono ad apparire i francobolli di metallo. Questa invenzione è stata brevettata da Edouard Bouchaud-Praceiq. Il gettone aveva la forma di una piccola scatola rotonda che conteneva il francobollo. Il guscio esterno è composto da un disco di metallo e un foglio di mica, senza dimenticare la chiusura metallica. 

In ogni caso, i francobolli non furono più utilizzati dopo il 1924. Ora sono oggetti particolarmente rari e preziosi per i collezionisti. Alcuni francobolli valgono anche una piccola fortuna.

Non perdere i nostri articoli simili.

Categories:

Tags:

No responses yet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *